Incontra Kaushik

Come è nata la collaborazione con Switcher?
Switcher è sempre stato un personaggio noto nella mia città natale, Tirupur.
Le sue scuole, i nuovi metodi di produzione sostenibile con il suo partner indiano, Prem Durai, sono sempre stati un modello per l'intera località. Dopo aver saputo del fallimento e che c'erano persone che volevano far rivivere il marchio, noi (Sulochana) ci siamo messi in contatto con il marchio. Dopo intensi colloqui con il team di gestione e con il team svizzero che ruota attorno al nostro attuale CEO Marc Joss, ci siamo uniti come investitori per mantenere in vita il marchio e i suoi valori speciali.

Vengo da una città in cui ogni azienda ha a che fare con l'esportazione di maglieria. Poiché la mia famiglia è nel settore tessile da generazioni e il mio bisnonno ha iniziato con il commercio del cotone e la sgranatura alla base della catena di approvvigionamento, il mio sogno è sempre stato quello di raggiungere un giorno direttamente il cliente finale e quindi questa opportunità si è presentata sotto forma di Switcher.



Perché Switcher e non un'altra azienda di abbigliamento?
Switcher sembrava essere il giusto collegamento per Sulochana 😊 perché Switcher parlava di sostenibilità già negli anni '90, prima che altri marchi iniziassero a pensare in questa direzione, e se ci si immerge nel modello di business e nei principi di Sulochana, si vedrà che tutto è incentrato sulla sostenibilità, che si tratti di fonti energetiche o dell'uso di PET riciclato, solo per citare alcuni punti.


In che modo è coinvolto nella gestione quotidiana di Switcher?
In qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione, svolgo un ruolo di primo piano: il mio compito più importante è quello di prendere decisioni, soprattutto in ambito finanziario, e di garantire il rispetto dei principi etici fondamentali dell'azienda. L'attività operativa è comunque in buone mani con il nostro CEO in Svizzera Marc Joss.

Quali sono, secondo lei, le maggiori sfide che Switcher sta affrontando attualmente?
La Svizzera è un grande Paese. Vivo in Svizzera da 2 anni e ho il mio centro di vita in Svizzera. Come per ogni azienda, anche in Svizzera ci sono molte opportunità e un pubblico target con potere d'acquisto, ma i costi sono proporzionalmente più alti rispetto ad altri Paesi europei. Negli ultimi 3 anni abbiamo investito soprattutto nella nostra organizzazione, nei processi e nella logistica. Dopo il rilancio, tuttavia, la nostra sfida più grande è stata quella di guadagnare la fiducia dei nostri clienti e di trasmettere il messaggio che siamo tornati con Switcher per restare.

Ora è importante continuare a crescere in modo sostenibile e trovare nuovi collaboratori di talento che ci accompagnino in questo percorso.

 

Cosa vorreste vedere dal team di Switcher?
Vorrei che tutti i nostri dipendenti, in Svizzera ma anche in India, fossero orgogliosi di lavorare per questo marchio unico. Vorrei che i membri del team Switcher avessero una passione naturale per i valori fondamentali del marchio e condividessero ogni successo e fallimento del marchio. Idealmente, cresceranno insieme al marchio.

Quali sono i vostri obiettivi per Switcher?
Creare un modello di business sostenibile con nuove idee, in cui combinare e valorizzare il meglio della tecnologia e del tessile.

 

Quali sono i vostri obiettivi personali?
Sono sempre stata appassionata di benessere animale e sostenibilità. Per farla breve, voglio restituire alla società più di quanto prendiamo da essa.

Quale crescita sperate di vedere nei prossimi cinque anni?
Vorrei che Switcher riconquistasse i suoi clienti B2B ai livelli precedenti al fallimento, con un forte messaggio che siamo qui per restare e che siamo affidabili.
Sul fronte B2B, vorrei che l'attività online di Switcher contribuisse maggiormente all'azienda, con un'attenzione particolare alla moda lenta, all'economia circolare e a uno stile di vita attivo.

Quali sono i vostri capi di abbigliamento Switcher preferiti?
La T-shirt Damon, i pantaloni Theo e molti nuovi pezzi che ho avuto la possibilità di sviluppare!


Come si svolge una giornata tipica della sua vita?
Comincio con la meditazione Vipassana e di solito trascorro 2 ore passando dallo yoga agli esercizi con il peso corporeo. Lavoro tra le 6 e le 7 ore e il resto del tempo lo dedico a progetti creativi di architettura o di design del paesaggio!!!


Che tipo di musica le piace ascoltare?
Ascolto minimal house e reggae 😊.


Hamburger o insalata?
Non sono un grande fan delle insalate o degli hamburger! Sono vegano. Adoro la cucina asiatica e la frutta!


Qual è il vostro modo preferito di trascorrere un giorno libero?
Mi piace programmare i miei giorni liberi con delle avventure, che si tratti di osservare la fauna selvatica, di collezionare oggetti d'antiquariato o di imparare una tecnica o un'abilità di vita! Soprattutto, passare del tempo con i miei animali!!!

Lascia un commento